Prefazione a Nonno Zef

Come è nella migliore tradizione delle pubblicazioni su siti web, quando si da inizio ad un insieme di articoli relativi ad un certo argomento, occorre dare loro un nome ed una breve descrizione. E quindi, desiderando parlare di nonni e di nipoti, e precisamente delle abitudini e dei comportamenti e degli  argomenti di conversazione in comune tra nonni e nipoti, e dovendo scegliere un titolo breve, ho pensato di dare alla sezione di questo sito un nome breve, per l’ appunto “ Nonno Zef “.

Sistemato il fatto del nome della sezione, ho dovuto decidere sui nomi delle categorie della sezione. Ed allora, immediatamente, ho pensato ad una categoria denominata “ Racconti e Favole “, essendo risaputo che, quando i nipoti sono piccoli, i nonni sono soliti raccontar loro delle favole. A qualche racconto lungo ho dato lo spazio di una intera categoria, come per “ Rikki Tikki Tavi, un riassunto “, appunto un riassunto del  racconto dello scrittore inglese Rudyard Kipling, presente nella raccolta Il libro della giungla.

Poi, nella vita di una persona anziana, uno spazio importante è quello rappresentato dai ricordi. E quindi ad una seconda categoria ho dato appunto questo nome: “ Ricordi “.

 Ma si può anche generalizzare, nel senso che tutto sommato le favole ed i racconti prima, e poi i ricordi, fanno parte di un substrato molto vasto e di grande spessore, che noi chiamiamo semplicemente sogni. I Sogni sono una parte importante della nostra vita. Essi ci accompagnano sempre, in forma semplice e fantasiosa come appunto nelle favole dei nonni ai nipoti, ma anche durante, e dopo, e fino alla fine.  Ci sono i Sogni dei giovani che cercano di costruirsi un avvenire.  Ci sono i sogni dei giovani che scoprono l’ amore, e che sognano e si industriano su come poter essere uniti per sempre alla persona amata. Parallelamente, è quindi possibile distribuire le favole ed i racconti, generati da tali sogni, in sub categorie suddivise per fasce di età, non esclusi gli adulti. La letteratura è ricca di esempi di opere a carattere favolistico adatte a tutte le età; citiamo “ Il Piccolo Principe ”, di Antoine de Saint-Exupéry, ed opere di maggior spessore, come la trilogia di Italo Calvino, “I Nostri Antenati” (Il Visconte Dimezzato, Il Barone Rampante, Il Cavaliere Inesistente); ed ancora, la superba opera   “Sogno di una notte di mezza estate”, di W. Shakespeare. Lo stesso Shakespeare nella sua opera “ La Tempesta” fa dire a Prospero: “ … Noi siamo della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni, e la nostra piccola vita è circondata da un sonno”. In definitiva, i  Sogni sono necessari a tutte le età: cambia il tema, ma alla fin fine ciascuno di noi  - e ciascuno a modo suo - cerca di dare un senso al mistero di  questa nostra complessa, misteriosa, fragilità umana.

Ma anche sarebbe interessante un esame di come la rapida  evoluzione della società umana – dei suoi modi di essere, di pensare, dei suoi stili di vita -  vada modificando anche i  rapporti  tra nonni e nipoti. E quindi sarebbe interessante poter disporre anche di articoli relativi ad esperienze e cronache di fatti reali riguardanti nonni e nipoti. E ciò fa parte degli sviluppi futuri di questa sezione del sito, che spero – Cielo volendo! – di poter realizzare.
Per rendere poi generale la partecipazione -  sia di tutti i nonni, che di tutti i nipoti, secondo il significato sopra attribuito -  come administrator ho pensato di aggiornare il sito all’ ultima versione di Joomla! (vers. 3x), che è responsive, e cioè facilmente visualizzabile anche su smartphone e tablet, in modo da accrescere la diffusione dei contenuti soprattutto presso i giovani, anche per effetto della caratteristica multilingua di questo sito.

autore: Zeferino Siani

Pin It
e-max.it: your social media marketing partner

Stampa Email