• Home

The Beatles Full Album

Salerno - Lunedì 18 aprile 2022.

I quattro Beatles raffigurati nella cover dell'album e che in fila indiana attraversano le strisce pedonali ad Abbey Road, un quartiere londinese di periferia, sono nell'ordine: John Lennon (1940-1980), in completo bianco, capelli lunghi ed occhiali tondeggianti, seguito da Ringo Starr (1940), vestito interamente di nero, e poi da Paul McCartney (1942), a piedi nudi, e George Harrison (1943-2001). La loro storia è riportata per esteso in Appendice. 
Le canzoni del presente articolo sono invece tratte dal più recente The Beatles Greatest Hits Full Album 2022.
Fuori album, sono inoltre riportate le seguenti canzoni: The Sound Of Silence (Simon&Garfunkel)While My Guitar Gently WeepsHello, Goodbye;ed in chiusura Yellow Submarine. 
John, l’anima del gruppo, dotato di notevoli capacità creative, venne ucciso – ad appena 40 anni (... oggi ne avrebbe circa 82, ed avrebbe composto chi sa quante altre canzoni!) - con quattro colpi di pistola alle spalle da uno squilibrato, di fronte al Dakota Garden di New York.      
Nella Parte Terza alcune canzoni non sono state prese dal suddetto album, ma da fonti originali con alti livelli di ascolto e/o  particolarmente interessanti.
In Appendice, ci sono anche altri brani musicali dell'ultima ora!
Buon ascolto, e buona lettura.
PARTE PRIMA
 - Beatless Full Album 2020
 - The Beatless sulle strisce pedonali
 - Best The Beatles Songs Collection - The Beatles Greatest Hits Full Album 2021
 - Best The Beatles Songs Collection - The Beatles Greatest Hits Full Album
 - Simon & Garfunkel - The Sound of Silence (from The Concert in Central Park)
PARTE SECONDA
       Tempi Start        Titolo della canzone                                     

  1.   00:00/1:32:18    Let It Be                    
  2.   03:31/1:32:18    A Day in The life
  3.   05:16/1/32/18    Hey Jude               
  4.   07:16/1:32:18    Yesterday  
  5.   09:50/1:32:18    Here Comes The Sun 
  6.   12:50/1:32:18    Strawberry Fields 
  7.   16:38/1:32:18    Penny Lance 
  8.   20:12/1:32:18    Eleanor Rigby 
  9.   23:12/1:32:18    In My Life    
  10.   44:36/1:32:18    Something
  11.   47:15/1:32:18    Come Togheter
  12.   50:00/1:32:18    Black Bird
  13.   54:00/1:32:18    For No One                   
  14.   57:15/1:32:18    Dear Prudence                                          
  15. 1:01:33/1:32:18   Norwegian Wood             
  16. 1:05:24/1:32:18   Things We Said Today     
  17. 1:08:12/1:32:18   Rocky Raccoon                
  18. 1:11:06/1:32:18   We Can Work It Out        
  19. 1:17:00/1:32:18   All You Need Is Love
  20. 1:20:06/1:32:18   Annuncio dei Beatles
  21. 1:21:14/1:32:18   Yellow Submarine            
Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

APRILE 2022

SALERNO - Sabato, 9 Aprile 2022

TEMPO LIBERO

Onomastici

Oggi: Pietro - Patrizio

ISTRUZIONE, CULTURA E PROFESSIONI.

L' OSSERVATORIO

AFORISMICitazioni e frasi celebri

"Siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita" (La Tempesta, William Shakespeare). 

QUOTIDIANI NAZIONALI ED ESTERI

QUOTIDIANI DI SALERNO E REGIONALI

QUOTIDIANI E RIVISTE FEMMINILI  

@@@

Pin It

Stampa Email

I MIEI NIPOTI

Salerno, domenica 8 agosto 2002.

Una Galleria di foto e immagini ha  sempre qualcosa di magico, per la capacità di rievocare e far rivivere nella nostra mente emozioni sentimenti e ricordi di luoghi fatti o persone care anche distanti nel tempo e nello spazio.
Ebbene, se anche una sola foto o immagine delle Gallerie di questo sito riesce a far rivivere la bellezza, la magia, e l’ emozione di un momento legato ad una persona o ad un luogo, allora solo per questo vale la pena di averle sviluppate.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

NEWS-It

NewsLa "Notizia" : tutti noi conosciamo bene l' enorme importanza della notizia.

In  ambito giornalistico, la "notizia" è la materia prima, che viene elaborata e diffusa. 

 Per gli utenti invece, la "notizia" è  ovviamente fonte di conoscenza relativamente ai più disparati settori: dalla politica, economia e finanza, alla cultura, alle scienze, alla tecnologia, alla medicina, al clima, e poi ancora ai viaggi, alla  casa, al giardino, alla moda, al cinema.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

Un Fiore di Montagna.

Salerno - Domenica, 24 novembre 2019

Fiore di montagna Alle prime luci del mattino, io e mio suocero risalimmo faticosamente da quel gelido ed oscuro vallone degli Alburni, dove - contrariamente a quanto assicuratoci dai locali - non avevamo incontrato nemmeno l'ombra di un cinghiale. 
Giungemmo alla fine ad uno spiazzo aperto, riparato a nord dai venti da un costone roccioso, e ricoperto da uno spesso manto d'erba, su cui facevano ombra alcuni alberelli, sparsi qua e là: ci sembrò di essere arrivati al centro dell' Eden. 

"Mi sembra un posto adatto per riposare un poco!" - disse mio suocero, sedendosi e appoggiandosi stancamente al tronco di un alberello. Non risposi, ma manifestai il mio completo assenso sistemandomi anch'io ad un altro alberello, poco distante dal suo.
Apro una breve parentesi su mio suocero, che da parecchi anni non c' è più, e che per me è stato molto di più di un suocero: un grande amico, e un secondo padre. Era intanto un uomo molto forte e deciso, cui piaceva molto la montagna, e la natura in genere, e che amava i libri di viaggi ed esplorazioni.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

Quel temporale estivo sulla spiaggia ...

TempEstivoNottSpiaggiaLa donna richiuse alle sue spalle la porta dello chalet, per non farla sbattere dal vento.
Snella, alta, avanzava lentamente verso il mare, viso sollevato verso il cielo, braccia leggermente stese lungo il corpo  e palmo delle mani aperte verso l'alto, accogliendo con voluttà le gocce di pioggia di quel temporale estivo scoppiato improvvisamente ad inizio sera. 
Quando un fulmine attraversò il cielo oscurato dalle nubi illuminando per un istante il suo viso, avresti potuto scorgere nei suoi occhi verdi un brivido di piacere: quel giorno era stato piuttosto caldo. 

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

GIOSUE' e CARMINE.

Giosuè e Carmine: i miei migliori amici.

Carmine ci ha lasciato tanti anni fa, stroncato da un male incurabile. 
Era un chimico industriale, come me. Lavorava a Bagnoli, agli altoforni, e quei gas maledetti se lo sono portato via. Negli anni passati, tante volte ho tentato di parlarne su queste pagine, per ricordarlo a me stesso e a quanti  lo hanno conosciuto, senza mai riuscirci. 
Ma è poco più di un un mese che è venuto a mancare, in tarda età, anche Giosuè. Ed allora, ho pensato che non è giusto non lasciare nemmeno un briciolo di ricordo di due persone per me uniche. E lo faccio oggi, prima che sia troppo tardi anche per me.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

La Nuvoletta Solitaria

Salerno, martedì 5 marzo 2013.             

Nuvoletta bianca solitaria Quel mattino, una nuvoletta solitaria vagava felice in un cielo azzurro, solo qua e là punteggiato da altre nuvole bianche, alcune in gruppo, altre solitarie come lei. 

Un leggero vento sospingeva la nuvoletta, e ne accarezzava e modellava dolcemente l’ aereo corpo, bianco e soffice come la neve caduta di fresco.
La nuvoletta guardava scorrere sotto di se tutto quel verde delle colline, delle valli e dei prati, interrotto qua e la dalle casette dei contadini.

Nelle aie antistanti figurine di persone non cessavano di andare avanti ed indietro; altre erano invece nei campi color marrone di fresco coltivati; due invece, che bello!, se ne stavano immobili, sdraiate sull’ erba a prendere il sole. Incuriosita, la nuvoletta desiderò osservarle più da vicino, e cercò di scendere di quota, ma la direzione del vento non le consentì di farlo.
La nuvoletta doveva socchiudere invece un poco gli occhi per guardare controsole le altre nuvolette  che scorgeva poco lontane, ed alle quali sperava di potersi unire.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email

Incontrarsi al Bryant Park

Margaret

Incontrarsi al Bryant Park

A lenti passi, Margareth si avvicinò all'ampia vetrata del suo ufficio, al 30° -  ed anche ultimo - piano dell’ HSBC Tower, 452 Fifth Avenue, New York: durante la notte il vento aveva spazzato il cielo da tutte le nuvole, e la vista era magnifica. Allora, come aveva fatto altre volte, prese dalla scrivania la chiave della porta di accesso al terrazzo, fece di corsa le due rampe di scala: due giri nella serratura ed una spinta - e ...

 Ora nulla si frapponeva al suo sguardo e, appagata, poteva guardare fino all’ Hudson a sinistra, all' East River a destra e, dietro di sé, a tutto il Central Park, ... e ancora oltre! Poi, come sempre, il suo sguardo retrocesse lentamente, ripercorrendo a ritroso la visione precedente, fino ad appuntarsi sul Bryant Park proprio sotto di lei: newyorkese da generazioni, amava la sua città, ed in particolare amava quel prato che oggi splendeva come la faccia ben levigata di uno smisurato smeraldo.

Il Bryant Park! … Sempre ben curato e pulito, con tutte quelle sedie e tavolini sotto le piante disposte attorno al rettangolo di prato verde.

Pin It

Leggi tutto

Stampa Email